Home News Varie News Serie A1-A2 Serie A1, 11-12-13-14 giornata

Serie A1, 11-12-13-14 giornata

471
0
Condividi

Nei periodi di festa un pò tutto si ferma, eccezion fatta per la pallavolo. Si è giocato e pure tanto, così noi siamo rimasti un pò indietro con le giornate. Sempre col pienone di pubblico le classiche giornate di Santo Stefano e della Befana che hanno chiuso il girone di andata e qualificato per la Coppa Italia. Le prime otto in classifica si sfideranno in gare di andata e ritorno per conquistare l’accesso alla final four di Roma. Tante partite combattute e con risultati a sorpresa, proprio all’ultima giornata è arrivata la sorpresa più grande. Trento perde la testa con la sconfitta 3-1 a Latina, secondo posto finale e quarti di coppa contro Vibo che perde per un brutto infortunio il palleggiatore Coscione. In testa sale Macerata che se la vedrà con l’ottava, quell’ M.Roma che ha come obiettivo stagionale la final four casalinga di Coppa Italia. L’accoppiamento più incerto è Modena-Monza, emiliani forti del quarto posto e brianzoli che con passo molto altalenante cercano di far entrare nei meccanismi un facundo Conte ancora molto incerto. Chiude il quadro dei quarti di finale il classico Cuneo-Sisley. Intanto nella giornata di ieri è ricominciato il girone di ritorno, nulla continua ad essere scontato. La capolista Macerata batte 3-0 Ravenna e l’entusiamo del suo pubblico e conquista l’ottava vittoria consecutiva nonostante un pò di turn-over. I tifosi di Trento hanno avuto tanta paura dopo la sconfitta di pochi giorni prima ed il primo set perso a Manza, ma ecco che escono i fenomeni e con due set perfetti i trentini riescono a fare 1-3. é sempre a stretto contatto con le prime, ma perde ancora qualche punto un Cuneo che nelle ultime partite non riesce a mantenere un gioco costante in tutti i set. Mastrangelo e Vissotto non vanno, ne approfitta Verona con una prestazione di alto livello soprattutto al centro e con l’MVP Gasparini e va a vincere 3-2. Non bastano a Roma un super Sabbi e un inarrestabile Zaytsev (28 e 31 punti) per avere la meglio su Modena. Dopo una serie di brutte prestazioni si pensava che Roma si fosse messa tutto alle spalle ed invece una serie di inspiegabili errori di Ciasolla vanificano un vantaggio di 2 set e dopo quarto e quinto set perso ai vantaggi arriva la sconfitta. Dopo le dimissioni di Lorenzetti e con la curva in sciopero, Piacenza ha superato al tie break Padova. A trascinare la squadra sono stati i senatori Zlatanov-Papi-Nikolov, capaci di firmare 70 punti in tre. La giornata si chiude con due 3-0, il primo di Vibo contro S.Giustino ed il secondo di Belluno a Latina. In serie A2 siamo arrivati alla diciottesima giornata. In vetta in solitario troviamo Castellana che vince 3-2 a Milano e approfitta del risultato dell’altra sfida che si giocava in contemporanea nella stessa città. Segrate non sta passando un buon momento con tre sconfitte in quattro gare, la seconda in casa. A passare è Molfetta per 3-2 con un grande Uchikov. Segrate che viene raggiunta in classifica da un ottimo Perugia capace di vincere 3-1 ad Isernia. Pesano i troppi impegni ravvicinati ed i troppi tie-break per un Cardona che tra acciacchi vari e fatica accumulata offre una prestazione altamente sottotono. Dopo un periodo no riprende la sua marcia Città di Castello che batte 3-1 S.Croce in una partita molto equilibrata. Terza vittoria consecutiva per Atripalda e terzo successo di un certo livello, il primo da tre punti. Dopo Isernia e Segrate per i campani arriva il 3-1 conquistato a Loreto. Una rinnovatissima Cavriago torna alla vittoria per 3-1 a Roma contro il Club Italia. Determinante l’apporto del nuovo opposto Paoletti (25 punti) dopo aver perso il primo set e con il secondo che sembrava irrimediabilmente perso. Era da tanto che Sora non sfornava una prestazione di questo livello, a subire il pesantissimo 3-0 è stata un’arrendevole Corigliano. Per finire un altro 3-0 senza storia, Cantù non è stato mai in partita sul campo di Genova.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here